Ivanoe Bonomi. Scritti giornalistici (1908-1951)

a cura di Luigi Cavazzoli e Luigi Gualtieri, Piero Lacaita Editore, Manduria-Bari-Roma, 2008, pp. 305.

Cinquantaquattro scritti giornalistici di Ivanoe Bonomi, che vanno dal 1908 al 1949 (muore nel 1951) si aggiungono in questo volume al pari numero di articoli proposti nel precedente volume edito nel 2005. In questa sede essi sono suddivisi nei seguenti temi maggiormente frequentati dall’autore: il deputato del Collegio di Ostiglia – la questione del Mezzogiorno – un socialista non anticoloniale – l’espulsione dal partito socialista – la grande guerra – riforma e blocchi elettorali – dalla resistenza alla guerra fredda. Il nesso libertà-democrazia-socialismo, proposto nel precedente testo alla stregua di un possibile filo conduttore, diviene libertà-democrazia-laburismo. D’altra parte “le leggi di adattamento del socialismo al regime liberale”, erano state da Bonomi formulate nel 1907 nel saggio Le vie nuove del socialismo, prendendo le mosse dalla constatazione che il movimento socialista era sorto in Italia ed altrove con un carattere nettamente antiliberale. I quarant’anni che separano il 1908 dal 1948, anno in cui viene eletto presidente del primo Senato della Repubblica italiana, sono contrassegnati da periodi di silenzio di Bonomi giornalista, per ragioni di opportunità durante gli incarichi di ministro e di presidente del Consiglio, o perché imposto dal fascismo. L’ultimo articolo risale infatti al gennaio 1926 e Bonomi lo scrive per “Critica sociale” in occasione della morte di Anna Kulischioff; per leggere il successivo occorre giungere all’aprile del 1943 allorché sul giornale clandestino “La Ricostruzione”, organo del fronte unico della libertà, appare il suo Appello agli italiani, condiviso da tutte le correnti antifasciste. Nella Postfazione a entrambi i volumi, Ettore A. Albertoni pone in risalto che dall’esame storico che gli stessi propongono emerge in tutta evidenza un Bonomi, non già come il colto e capace adepto di una sorta di piccola eresia riformista ma, piuttosto, come il credibile e saggio combattente per l’affermazione in Italia di una democrazia consapevole e compiuta. L’evoluzione recente in senso autonomista e sostanzialmente federalista della Costituzione repubblicana – alla cui nascita ed elaborazione Bonomi diede il suo contributo – dall’inizio del Terzo Millennio ha aperto nuovi, più liberi e democratici scenari. Il lettore troverà al riguardo non poche sollecitazioni sia in questi due tomi di Scritti giornalistici che nell’intera opera e bibliografia dello statista

INDICE DEGLI ARTICOLI
1.0. Il deputato del collegio di Ostiglia
1.1. Il candidato di Ostiglia,
“La Provincia di Mantova”, 16 luglio 1909
1.2. Dopo la vittoria d’Ostiglia. Ivanoe Bonomi ai nostri elettori,
“La Provincia di Mantova”, 4 agosto 1909
1.3. Per la riforma dei tributi,
“Critica sociale”.
I. I termini del problema, 1° ottobre 1909
II. La riforma della tassazione diretta, 16 ottobre 1909
III. L’imposta complementare sul reddito e il problema della scuola, 1° novembre 1909
1.4. La crisi dei partiti storici in Italia. Il partito socialista.
“Il Viandante”, 17 ottobre 1909
1.5. Contro il carovivere – Il rincaro della vita e i suoi limitati rimedi,
“Avanti!”, 30 dicembre 1910
1.6. Il partito socialista e il suffragio universale,
“Rassegna contemporanea”, gennaio 1911
1.7. Problemi del lavoro – Le prime esperienze delle affittanze collettive,
“Avanti!”, 15 gennaio 1911
1.8. Per l’indennità parlamentare,
“Il Giornale del mattino”, 21 aprile 1911
1.9. La riforma elettorale,
“Il Giornale del mattino” 16 marzo 1912
1.10. Il significato di una vittoria,
“Il Pensiero riformista”, 16 novembre 1913
1.11. L’on. Bonomi ai suoi antichi elettori di Ostiglia,
“La Provincia di Mantova”, 5 novembre 1919

2.0. La questione meridionale
2.1. La rinnovazione del mezzogiorno,
“Critica sociale”.
I. Ciò che rivela la nuova inchiesta, 16 settembre e 1° ottobre 1910
II. La fase odierna della lotta di classe, 16 ottobre 1910
III. Il suffragio ai contadini, 16 ottobre 1910
2.2. Per la rinnovazione del Mezzogiorno – Alla ricerca di una classe che manca,
“Avanti!”, 18 maggio 1911
2.3. La guerra al latifondo meridionale – Le proposte della Commissione parlamentare,
“Avanti!”, 21 maggio 1911
2.4. La piccola proprietà e il Mezzogiorno,
“Avanti!”, 16 giugno 1911
2.5. Per il Mezzogiorno,
“Avanti!”, 4 settembre 1911

3.0. Un socialista non anticoloniale
3.1. Per reagire all’infatuazione per Tripoli – Il punto di vista d’un socialista non anticoloniale,
“Avanti!”, 18 settembre 1911
3.2. Perché la guerra non è impopolare. La psicologia del momento,
“Il Giornale del mattino”, 2 ottobre 1911
3.3. Ciò che vi era dietro la “Fatalità storica!”,
“Il Giornale del mattino”, 22 ottobre 1911
3.4. Una questione costituzionale. La guerra, il Governo, il Parlamento,
“Il Giornale del mattino”, 28 ottobre 1911
3.5. Carlo Marx, la Turchia e la guerra,
“Il Giornale del mattino”, 7 novembre 1911
3.6. I precedenti dell’impresa di Tripoli,
“Il Giornale del mattino”, 16 febbraio 1912
3.7. L’unica soluzione,
“Il Giornale del mattino”, 26 giugno 1912

4.0. L’espulsione dal partito socialista
4.1. Il dissidio sul terreno concreto,
“Critica sociale”, 16 ottobre 1911
4.2. Pessimisti contro ottimisti. L’urto delle tendenze nel partito socialista,
“Il Giornale del mattino”, 6 dicembre 1911
4.3. L’opinione di un conservatore,
“Il Giornale del mattino”, 19 febbraio 1912
4.4. Più in alto,
“La Provincia di Mantova”, 1° maggio 1912
4.5. [L'On. Bonomi e la situazione del partito socialista],
“Il Giornale del mattino”, 11 maggio 1912
4.6. La nuova crisi socialista,
“La Provincia di Mantova”, 30 ottobre 1914

5.0. La grande guerra
5.1. Il cadavere della Triplice,
“La Provincia di Mantova”, 23 agosto 1914
5.2. Perché i riformisti vogliono la guerra,
“La Provincia di Mantova”, 8 febbraio 1915
5.3. Dalle conquiste territoriali a quelle economiche,
“La Provincia di Mantova”, 23 dicembre 1915
5.4. Il socialismo italiano e la guerra,
“La Provincia di Mantova”, 27 giugno 1916
5.5. Federico Engels e i problemi della guerra,
“Nuova Antologia”, 1° giugno 1918
5.6. Il fattore decisivo della vittoria,
“Il Secolo”, 18 agosto 1918

6.0. Riforma e blocchi elettorali
6.1. La nuova legge elettorale alla prova.
“Nuova Antologia”, 1° dicembre 1919
6.2. O rinnovarsi o perire,
“La Provincia di Mantova”, 10 marzo 1920
6.3. [Sui valori della democrazia],
“Il Vaglio”, edizione straordinaria, 1° aprile 1924
6.4. La vitalità del liberalismo,
“Il Giornale d’Italia”, 8 febbraio 1925

7.0. Dalla resistenza alla guerra fredda
7.1. L’ora decisiva,
“La Ricostruzione”, maggio 1943
7.2. Il colpo di Stato del 25 luglio 1943,
“Il Mondo”, 23 aprile 1949
7.3. Eredità socialista contesa,
“Secolo nuovo”, 25 aprile 1946
7.4. Il destino di Trieste,
“Il nuovo Corriere della Sera”, 20 ottobre 1946
7.5. Riparazioni e confische,
“Il nuovo Corriere della Sera”, 12 novembre 1946
7.6. La nuova Costituzione,
“Il nuovo Corriere della Sera”, 28 novembre 1946
7.7. Risposta a Bevin [sulla Venezia Giulia],
“Il nuovo Corriere della Sera”, 1° marzo 1947
7.8. Stato e Chiesa,
“Il nuovo Corriere della Sera”, 18 marzo 1947
7.9. L’ordinamento regionale,
“Il nuovo Corriere della Sera”, 25 maggio 1947
7.10. America e Italia,
“Il nuovo Corriere della Sera”, 3 ottobre 1947
7.11. Italia e Jugoslavia,
“Il nuovo Corriere della Sera”, 29 ottobre 1947
7.12. Fede nella libertà,
“Il nuovo Corriere della Sera”, 23 dicembre 1947
7.13. Gli Statuti delle Regioni,
“Il nuovo Corriere della Sera”, 1° febbraio 1948
7.14. I due blocchi e la pace,
“Il nuovo Corriere della Sera”, 14 marzo 1948
7.15. Palestina insanguinata,
“Il nuovo Corriere della Sera”, 1° giugno 1948

Categoria: Pubblicazioni Comment »


Lascia un commento



Back to top